Studio Legale Galli - Montesano e Associati - Associazione Professionale

Via Carducci 17, 20123 Milano

tel. +39 028054837  +39 0289013215

fax +39 0272016977

 

Logo7grandev2
Linkedin Dott.ssa Galimberti Alice

Cookie Policy

Partita Iva 07356520960

Logo Studio Legale Galli - Montesano e Associati

Ablazione della responsabilità genitoriale e maternità surrogata eterologa

10-02-2021 16:49

Gmius

Notizie, maternità, maternità surrogata, famiglia, figli, estero, tribunale, milano, minorenni, figlio, minore, Studio legale, Studio legale galli montesano, diritto di famiglia, flavia galli, diritto civile, tribunale per i minorenni, madre surrogata, surrogata, responsabilità genitoriale, ucraina, italia, eterologa, padre,

Ablazione della responsabilità genitoriale e maternità surrogata eterologa

Un caso di maternità surrogata eterologa all’estero curato dallo Studio Legale Galli Montesano e Associati

logoarticoloslim-1621507210.jpg

Ablazione della responsabilità genitoriale e maternità surrogata eterologa


Con un recente decreto il Tribunale per i Minorenni di Milano ha chiarito i confini della maternità surrogata eterologa all’estero (Ucraina) in relazione – per quanto qui d’interesse - alla posizione del coniuge italiano ultra-sessantenne Sig.ra A. richiedente  – unitamente al marito sig. B. - tale modalità di concepimento. Nello specifico il Collegio ha escluso la legittimità della “pronuncia ablativa della responsabilità genitoriale”, nei riguardi della sig.ra A., richiesta dalla difesa di B. e dalla Curatela del minore,  vista l’effettiva rinuncia della medesima alla conservazione dello status di madre acquisito in Ucraina e la scelta di non avviare con il minore alcun tipo di rapporto.

Secondo il Tribunale per i minorenni di Milano, inoltre, la vigente disciplina in Italia riconosce la veste di “madre” in via esclusiva a colei che porti avanti la gravidanza e partorisca il nascituro, difettando, quindi, in capo alla sig.ra A. la necessaria relazione naturale e giuridica d’ordine parentale che nel nostro ordinamento dà vita al rapporto di maternità e di interconnessione anagrafica.

Di contro il medesimo TM ha respinto per difetto di competenza la richiesta di B. di revocare il provvedimento di affido del minore all’Ente, con collocamento presso famiglia professionale, difettando in capo al richiedente Sig. B. lo status di padre in assenza di registrazione in Italia dell’atto di nascita del minore comprovante il rapporto di filiazione fra quest’ultimo e il Sig. B.

Il TM, con decreto non definitivo, ha confermato l’affido del minore all’Ente, con collocazione del medesimo presso la famiglia professionale, disponendo il graduale inserimento, monitorato dai servizi preposti, del minore nel nuovo nucleo famigliare di B., riservandosi ogni ulteriore ed eventuale provvedimento all’esito della trascrizione dell’atto di nascita del minore.

Il Collegio nel valutare nel suo insieme l’intera vicenda stigmatizza la figura del “genitoriale intenzionale” che, nel caso di specie, ha assunto un ruolo manifestatamente marginale, mentre assume particolare importanza l’indagine condotta sugli aspetti interpersonali, caratteriali e psicologici dei soggetti coinvolti - anche indirettamente - nella vicenda e nei rapporti con il minore. Più in dettaglio, il valore - anche giuridico - attribuito dal Collegio a tali elementi, per quanto attiene alla posizione della sig.ra A., ha permesso alla medesima di definire la propria posizione di estraneità al progetto di genitorialità surrogata segnatamente al fine di non ostacolare, bensì di essere, per quanto possibile, artefice della migliore tutela fisica, morale e psicologica del minore.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder